Alessandra Pipitone

Analisi della Partitura e Coro

Ha conseguito il diploma in pianoforte, il biennio specialistico con indirizzo Maestro di sala e collaboratore al pianoforte, musica da camera, direzione d’orchestra e si è laurea- ta in Musicologia presso l’Università degli Studi di Palermo con il massimo dei voti, lode e menzione.

Durante la sua formazione ha studiato con i Maestri Antonino Fogliani, Carmelo Caruso, Fabio Ciulla, Ranieri Schicchi, Salvatore Spanò, Bruno Aprea, Ivo Lipanovic, Waldemir Wojtal, Gisela Herb, Massimiliano Damerini.

Ha effettuato numerosi concerti sia da direttore che da pianista.

Ha diretto la Catania Philarmonic Orchestra (Carmen di G. Bizet), l’Orchestra Città di Fer- rara (Aida di G. Verdi), l’Orchestra Filarmonica della Sicilia (Turandot di G. Puccini, Travia- ta di G. Verdi, Cavalleria Rusticana di P. Mascagni, Requiem di Mozart K626), la Women Orchestra presso il Teatro Verdi di Pisa, Teatro Bibbiena di Mantova, Teatro Antico di Taormina, Parchi di Nervi di Genova, Studi Mediaset,.

Si è esibita come pianista presso Comptoir de la Victorin di Marsiglia (Festival Grand Vertige), Thomaskirche di Wuppertal (Festival Kultur/Trasse), Teatro Politeama di Catan- zaro, il Teatro Alfieri di Torino, il Teatro Massimo e il Teatro Politeama di Palermo, il Teatro Eliodoro Sollima di Marsala.

Ha suonato per Rai Uno, Rai 5, Rai Sicilia, l’associazione internazionale per la musica con- temporanea Curva Minore, la Wuppertaler Improvisations Orchester; ha collaborato con Thollem McDonas, con cui ha pubblicato di recente l’LP Omnileliomatic insieme alla Si- cilian Improvisers Orchtestra edito da Superpang, Gunda Gottshalk, Silke Eberhard, Frank Gratkowski, Dario Buccino, Alessandro Librio.

Il suo repertorio spazia tra la musica di stampo accademico e il repertorio del ‘900 fino alle sperimentazioni più estreme, in una continua ricerca di elementi sonori inediti, esplorazioni sonore di derivazione accademica e non accademica, spesso non legate alla notazione tradizionale, passando per la musica aleatoria, l’improvvisazione radicale, la notazione grafica.